Home baking: un ritorno alle origini ma all’insegna dell’innovazione

Blog, Food trend

Siamo tutti pasticceri? In potenza, sì. Una veloce sbirciata ai feed social, ai programmi TV e alle nostre stesse tavole potrà confermarlo: l’home baking è ormai alla portata di tutti (o quasi). Pane e dolci fatti in casa, ricette e preparazioni genuine dominano sempre più le giornate (e i social) delle persone. La nuova normalità si rifà al passato combinando innovazione e tradizione. D’altronde bastano un po’ di audacia e spirito di avventura per materializzare l’aroma del pane fresco o di una torta appena sfornata nella nostra cucina. E se la voglia di cimentarsi non manca, con i giusti ingredienti potrà essere soddisfatto ogni palato.

Home baking e voglia di dolcezza

Le esigenze sono cambiate e le diete speciali keto, vegan, gluten-free, etc. – sono sempre più diffuse. Così come lo è la voglia di rifugiarsi nel comfort food e nel potere rinfrancante della dolcezza. È per questo che Misura ci viene incontro con la sua linea di prodotti innovativi e un assortimento sempre più attento ai mutati bisogni dei consumatori. Naturalità degli ingredienti e un ridotto apporto calorico si combinano nel nuovo nato 100% plant-based della famiglia Misura: l’eritritolo. Una gamma, quella di Misura, studiata per ogni esigenza, dalla classica dolcificazione del caffè alla pasticceria in casa, a cui tanto ci siamo abituati (e affezionati) negli ultimi due anni.

Nuova normalità e ascesa della merenda

È un dato di fatto: l’esperienza pandemica, i lockdown e lo smart working hanno rappresentato un punto di svolta per i consumatori, anche a tavola. Le abitudini alimentari a merenda di due italiani su tre – che prima spendevano le giornate prevalentemente fuori casa – sono cambiate dopo la pandemia. Il 29% di questo target, e il 36% delle persone in smart working, dichiara di concedersi più spesso uno snack, al mattino e al pomeriggio. Lo snack a casa è una ricarica fisica e psicologica (41%) ma anche un momento di relax, un break dalle preoccupazioni quotidiane, per sé o per la propria famiglia (35%). Lo rileva l’indagine Bva Doxa – Unione Italiana Food La merenda degli Italiani a casa ai tempi del Covid-19 (2021).

La merenda è più ricca per un italiano su due (45%). È cresciuto il consumo di biscotti (dal 44% al 56%) e di pane con marmellata o creme spalmabili (dal 21% al 35%). E se le merendine restano fra i 5 alimenti preferiti a merenda dagli adulti (45%), il consumo dei dolci fatti in casa è addirittura raddoppiato (dal 23% al 47%). Una rivoluzione, dunque, che ha aperto la strada a una nuova normalità, fatta di momenti conviviali, ritmi più naturali e desiderio di genuinità. E che è stata, per questo, anche una riscoperta della tradizione.

Connessi grazie al cibo: la riscoperta del fatto in casa

L’aumento esponenziale dell’attività di home baking degli italiani ha spinto in alto la traiettoria del mercato dei prodotti da forno. Molti italiani (da un’indagine realizzata nel 2020 su un campione di 600 partecipanti alla Community Doxa Roamler) scelgono di preparare a casa anche cibi che solitamente vengono acquistati già pronti. L’80% dei consumatori intervistati intende cucinare regolarmente a casa prodotti da forno. In cima ci sono pizze e focacce (74%), seguite da torte (65%), pane (50%) e biscotti (33%).

Instagram, TikTok, Facebook, YouTube sono una fonte inesauribile d’ispirazione: le ricette diventano protagoniste dei social network, siamo tutti food blogger. Il tempo passato ai fornelli aumenta, aumentano le ricerche di ricette sul web (YouTube resta il canale preferito) e le condivisioni social. Una curiosità mista a spirito d’avventura porta sempre più persone a cimentarsi in preparazioni anche complesse. Con l’home baking si riscopre il ritmo della natura, il tempo della lievitazione, il piacere di condividere il risultato dei propri sforzi.

Buono da condividere

Il tempo investito in cucina diventa, anche fra i millennial, occasione di convivialità, escapismo e nostalgia. Un’evasione in un passato dorato e una convivialità che riscopre i ricordi dell’infanzia, che rievoca il gusto unico del dolce preparato dalla mamma, del pane fatto dalla nonna. E che tiene conto delle esigenze di tutti, sempre nel nome del gusto, anche di chi segue una dieta specifica, che sia keto, vegan o gluten-free.

Cresce perciò l’attenzione a processi, preparazioni e ingredienti sani, con una preferenza per i prodotti di origine naturale e soprattutto vegetale. Preparare i dolci in casa permette di esplorare più opzioni tagliate per le esigenze alimentari e salutistiche di ognuno. In questo contesto, la pasticceria sugar-free è diventata per certi versi più popolare del vegan, non solo in Italia ma anche all’estero, rendendo sempre più necessari ingredienti in grado di aggiungere dolcezza senza aggiungere calorie.

Fra tradizione e innovazione: il sugar-free baking

L’aumento dell’attività di home baking spinge così l’innovazione. Un elemento, quest’ultimo, ritenuto importante dal 76% degli italiani, come rileva l’indagine Doxa Cibo e innovazione: le aspettative dei consumatori italiani. E se per il 60% degli intervistati l’innovazione è sinonimo di curiosità o esplorazione, il 23% mette l’accento sulla sostenibilità e sulla proposta di nuovi sapori a partire da materie prime antiche o dimenticate. Fondamentale è avere a disposizione gli ingredienti giusti nel mutato panorama degli usi e delle abitudini dei consumatori.

La dolce rivoluzione di Misura si fa in casa (ed è naturale)

Misura, da sempre brand leader nell’innovazione alimentare, rappresenta la scelta prioritaria per coloro che vogliono ridurre il consumo di zucchero dicendo sì alla dolcezza. Con la linea Misura pasticceria è possibile preparare dolci seguendo le ricette originali, con un semplicissimo dosaggio 1:1 e zero calorie. Ad arricchire la gamma dei dolcificanti naturali, accanto alla stevia e al sostituto dello zucchero di canna, c’è oggi l’eritritolo. Frutto della vocazione alla ricerca che da sempre contraddistingue il brand, l’eritritolo di Misura è il primo ad arrivare, grazie a D&C S.p.A., sugli scaffali della Grande Distribuzione.

L’eritritolo: tanta dolcezza, nessuna caloria

L’eritritolo è naturalmente presente in alcuni frutti come pere, uva, meloni. Si tratta di un polialcol che si ricava dal glucosio per fermentazione di alcuni lieviti. A differenza del comune zucchero da tavola (saccarosio), l’eritritolo non apporta quasi nessuna caloria (0,24 kcal per grammo) e ha una dolcezza che è pari a circa il 70% di quella dello zucchero. Questo lo rende adatto (insieme al suo facile assorbimento), a tutte le esigenze di salute e benessere dei consumatori.

L’eritritolo Misura viene prodotto da mais non OGM grazie a un processo di fermentazione che imita quello naturale. Viene poi purificato, essiccato e setacciato. Si ottengono cristalli croccanti come quelli dello zucchero e dall’ottimo sapore. Grazie alle sue caratteristiche naturali, l’eritritolo Misura è l’ideale per le diete a basso contenuto di carboidrati e per chiunque abbia voglia di ridurre l’apporto calorico senza rinunciare alla dolce emozione di una torta appena uscita dal forno. Perché un dolce è più buono se non esclude nessuno.

 

,
Articolo precedente
Metaverso, food & beverage: come cambia il marketing alimentare
Articolo successivo
Flexitarian, le tendenze e il marketing del semi-vegetarianismo

ULTIMI ARTICOLI

Menu